Esplora

    Il Parco Archeologico degli Ipogei

  • Il Parco Archeologico degli ipogei, situato alle porte di Trinitapoli, è composto dall’Ipogeo dei Bronzi e da un nuovo ritrovamento, risalente al II millennio a.C., denominato Ipogeo degli Avori. Si tratta di due strutture monumentali sotterranee, realizzate a scopo di culto, agli inizi della media età del bronzo e riutilizzate a scopo funerario qualche generazione dopo. 
     
     
    L’architettura dei due monumenti ricorda in qualche modo strutture micenee, realizzate in Grecia nello stesso periodo. In ogni struttura vennero inumati i resti di circa 200 persone, comprendenti adulti e bambini di entrambi i sessi, riccamente adorne di oggetti di prestigio in bronzo, ambra, pasta vitrea e fajence, osso e avorio, per il viaggio nell’al di là. 
     
    Diverse sepolture erano corredate da vasellame ad impasto, comprendente ciotole, pissidi e brocche, talvolta mirabilmente decorate ad intaglio.  Alcune deposizioni maschili esibiscono armi in bronzo costituite da spade, pugnali, punte di freccia; le sepolture femminili, più ricche di ornamenti personali, includono indicatori di ruolo, quali (come nel caso della Signora delle Ambre) il rocchetto fìttile e lo spillone in bronzo. 
     
     
     
    Di particolare rilievo è la scoperta di due piccole strutture in avorio, rinvenute nell’Ipogeo cosiddetto degli Avori: un cinghiale realizzato a tutto tondo e un idolo schematico con protome taurina, entrambi di straordinaria fattura e bellezza, con ogni probabilità importati dal Mediterraneo orientale. 
     
    Tutti gli oggetti rinvenuti nel corso delle campagne di scavo sono esposte in una mostra permanente presso il Museo Archeologico degli ipogei di Trinitapoli. il Parco Archeologico degli lpogei è attrezzato per consentire alle scolaresche di poter svolgere attività didattiche manipolative e laboratori di archeologia sperimentale.